testata smat

international version

la mappa dei toretti di torino

vai a punto acqua smat

Impianto Castiglione T.se
in evidenza

AVVISO AGLI UTENTI INDUSTRIALI Richiesta di Autorizzazione Unica Ambientale per gli scarichi in fognatura di acque reflue industriali

NUOVA AUTORIZZAZIONE UNICA AMBIENTALE (A.U.A) DELL'IMPIANTO DI CASTIGLIONE T.SE

AVVISO ALL'UTENZA

BONUS per la bolletta dell'acqua


Cersa

News

Incontro targato SMAT per i ragazzi di “Piazza Ragazzabile”

L’appuntamento si è svolto nell’ambito del Collegno Folk Festival

Lo scorso 28 giugno si è tenuto a Collegno l’incontro tra SMAT e i ragazzi del progetto “cantiere di ecologia urbana” promosso dall’Amministrazione comunale e rivolto ai giovani cittadini.
Dalle 10.30 alle 13 alla presenza dell’Assessore alle Politiche Educative, Matteo Cavallone, i giovani della Piazza Ragazzabile hanno partecipato ad un laboratorio sui temi dell’acqua.
La prima parte dell’incontro, tenuta dalla Responsabile della Comunicazione SMAT, Marisa Di Lauro, ha affrontato il tema dell’acqua di casa. In particolare ha approfondito il tema della qualità percepita e di quanto la pubblicità sia determinante nel favorire pregiudizi che influenzano comportamenti e abitudini delle persone. Conoscere i processi a cui viene sottoposta l’acqua potabile non solo è una garanzia di qualità ma fondamentale per poterne dare una valutazione oggettiva.
A seguire, Eugenio Lorenzi, Responsabile dei laboratori della depurazione SMAT, ha parlato ai ragazzi della fase finale del ciclo idrico integrato, introducendo un’eccellenza del territorio collegnese: il Demosofc, primo sistema industriale in Europa in grado di produrre energia dalla depurazione delle acque. “Si tratta – ha spiegato Lorenzi – di un impianto di co-generazione molto performante e a impatto zero alimentato dal biogas dei fanghi di risulta dalle acque reflue del depuratore installato presso l’impianto SMAT di Collegno. La sua attivazione è prevista per settembre 2017”.
A conclusione dell’incontro formativo, i ragazzi si sono cimentati in un gioco che trae spunto dall’analisi sensoriale. Nella veste di “sommelier dell’acqua” sono stati invitati a riconoscere l’acqua del proprio territorio tra due acque qualitativamente diverse: quella di Collegno, prelevata da una fontanella e quella del Pian della Mussa. E’ stato infine richiesto di esprimere la loro preferenza. L’acqua maggiormente gradita è stata proprio quella della Città che, attinta da una fontana è risultata essere anche quella più fresca, a dimostrazione che, una serie di fattori, in questo caso la temperatura, influenzano la percezione determinando un miglior gradimento dell’acqua.