testata smat

international version

la mappa dei toretti di torino

vai a punto acqua smat

Impianto Castiglione T.se
in evidenza

AVVISO AGLI UTENTI INDUSTRIALI Richiesta di Autorizzazione Unica Ambientale per gli scarichi in fognatura di acque reflue industriali

NUOVA AUTORIZZAZIONE UNICA AMBIENTALE (A.U.A) DELL'IMPIANTO DI CASTIGLIONE T.SE

AVVISO ALL'UTENZA

BONUS per la bolletta dell'acqua


Cersa

News

Premio speciale a SMAT per il sistema di lagunaggio del Po

L’azienda ha ottenuto il riconoscimento dalla Fondazione per lo Sviluppo Sostenibile in occasione di Ecomondo

E’ stata premiata anche SMAT tra le aziende italiane attente alla green economy  che il 9 novembre scorso alle 11 nella Hall Sud della Fiera di Rimini hanno ottenuto il riconoscimento Premio Sviluppo Sostenibile, per aver saputo associare  competitività industriale e qualità ambientale.
 “Il premio ha come obiettivo quello di promuovere le tecnologie innovative ed i progetti delle aziende della green economy. La grande adesione (1.350 aziende dal 2008 ad oggi) è una testimonianza di come sempre di più le aziende mirino a fare impresa puntando su finalità sociali ed ambientali” – ha detto Edo Ronchi, Presidente della Fondazione per lo Sviluppo Sostenibile, in occasione della cerimonia di premiazione.
SMAT è stata segnalata tra le 10 migliori del settore nella categoria Tutela e gestione delle acque  per la realizzazione del sistema di lagunaggio delle acque del Po destinate al consumo umano, con rinaturalizzazione del sistema fluviale.
Il riconoscimento, ottenuto  per l’efficacia dei risultati ambientali, il contenuto innovativo, i risultati economici e la possibilità di diffusione è stato ritirato da Marisa Di Lauro, Responsabile Relazioni Esterne SMAT che ha sintetizzato il progetto di rilocalizzazione e lagunaggio dell’acqua del fiume Po da destinare al consumo umano. L’impianto permette il prelievo dell’acqua del fiume a circa 7 km a monte dell’opera di presa originaria, evitando zone fortemente antropizzate, l’immissione in due bacini naturali nel Comune di La Loggia dove l’acqua staziona dai 7 ai 50 giorni e la sua trasmissione agli impianti di potabilizzazione dove viene trattata con ozono e processi biologici per essere immessa in rete. “Il valore di quest’opera – ha dichiarato – sta nella creazione di una riserva idrica, che raggiungerà complessivamente un volume di 7 milioni di metri cubi d’acqua, disponibile soprattutto in periodi di siccità, di inquinamento del fiume o di eventi eccezionali quali le alluvioni. I  bacini rappresentano una risposta concreta ad una strategia di prevenzione fortemente perseguita dall’azienda in questo periodo ancor più caratterizzato dai grandi cambiamenti climatici”.

lagunaggio del Po

lagunaggio del Po